Traduttore

domenica 16 aprile 2017

Il colore dei cibi

Si è sempre conosciuto dell'importanza di frutta e verdura nell'alimentazione quotidiana, ma lo sapevate che il cibo consumato giornalmente con più regolarità può rilevare molto della nostra personalità? Abbiamo sempre preso esempio dai dietologi e nutrizionisti che sostengono l'importanza dei colori nei cibi che mangiamo; sfruttando l'arcobaleno che la natura ci offre, gli possiamo raggruppare in cinque colori: rosso, giallo/arancio, bianco, verde e blu/viola. Ogni colore ha caratteristiche e particolarità diverse, e non si fa riferimento solo all'importanza delle sostanze nutritive, perchè il colore che più ci attira, facilmente con più frequenza, ci rivela anche la nostra personalità! 

Zucchine su crema di Topinambur (Secondo)

Ingredienti per 4 persone
  • 400 grammi di zucchine
  • 5 foglie di salvia tritata
  • 1 cipolla media
  • 1/2 limone 
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 2 cucchiai di aceto di mele o aceto di riso
  • sale marino integrale (quanto basta)
Preparazione: in una padella antiaderente, con un filo di olio extra vergine di oliva, fare saltare la cipolla. In un secondo tempo aggiungere la salvia, il limone tagliato precedentemente a fettine, le zucchine e fare insaporire per pochi minuti. Unire l'aceto di mele e poca acqua, lasciare stufare a fuoco medio per una decina di minuti. Per la preparazione della crema di topinambur (rapa tedesca simile alla patata) bisogna far soffriggere, in pochissimo olio extra vergine di oliva, la cipolla e la carota tritata. Aggiungere i topinambur lavati, raschiati dalla buccia esterna e tagliati precedentemente a pezzettini, un pò di acqua e fare cuocere per dieci minuti circa. Dopo la cottura, frullare i topinambur utilizzando il minipimer (frullatore a immersione). Per la preparazione del piatto, cominciare con uno strato di crema di topinambur e poi, adagiateci le zucchine tagliate precedentemente a rondelle. 

Lasagne al ragù di lenticchie (Primo)

Ingredienti per 4 persone
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 500 grammi di lenticchie
  • 1 confezione di pasta per lasagne secca
  • 2 spicchi di aglio
  • sale e pepe (quanto basta)
  • salvia e alloro (qualche foglia)
  • 3 cucchiai di passata di pomodoro bio
  • besciamella veg bio (fatta con il latte di riso, la farina, la noce moscata e l'olio extravergine di oliva)
  • parmigiano vegano (quanto basta) fatto con il trito di mandorle, di semi di girasole, di semi di sesamo e il lievito di birra alimentare secco
  • 1 mozzarella vegana bio
  • vino bianco secco (quanto basta)
Preparazione: cuocere il soffritto leggero mettendo un pò di olio extra vergine di oliva e acqua sul fondo di una padella antiaderente, inserire poi la carota, il sedano e la cipolla tritati. Fare stufare il soffritto per un pò, con l'aggiunta di un goccio di vino bianco secco. In un secondo tempo, aggiungere le lenticchie e i due spicchi di aglio schiacciati. Lasciare insaporire girando di volta in volta, poi versare un litro e mezzo di acqua calda, il sale, il pepe, l'alloro, la salvia e i tre cucchiai di passata. Coprire e lasciare insaporire il sugo fino a quando non risulta cotto. Preparare la lasagna componendo gli strati con la pasta di lasagne secca, il sugo di lenticchie e un pò di besciamella preparata precedentemente. Nell'ultimo strato aggiungere un pò di sugo, una spolverata di parmigiano vegano grattugiato e un filo di olio extra vergine di oliva. Infornare per 30 minuti a 190°C. 

Patners

Archivio blog